Per la prima volta in 54 anni la messa viene celebrata presso la chiesa di San Giovanni Battista a Qasr el Yahud sulle rive occidentali del fiume Giordano

Gen 12th, 2021 | Di cciotola | Categoria: Religione

Il 10 gennaio si è celebrata la festa del Battesimo di Gesù.
I frati francescani della Custodia di Terra Santa si sono riuniti per celebrare la messa, per la prima volta in 54 anni, presso la Chiesa di San Giovanni Battista a Qasr el Yahud, sulla sponda occidentale del fiume Giordano.

 

Qasr el Yahud è ritenuto identificabile con il sito in cui, secondo il Nuovo Testamento, Giovanni Battista battezzò Gesù (Matteo, 3: 13-17). Il sito è anche considerato il luogo in cui i figli di Israele attraversarono il Giordano quando entrarono nella terra di Canaan.

 

Negli anni 2008-2010, il Ministero del turismo israeliano, attraverso la Israel Government Tourism Corporation (IGTC), ha investito circa 8 milioni di Shekel (due milioni di Euro) nella riqualificazione del sito di Qasr El Yahud sul fiume Giordano. Ciò ha significato, tra gli altri, miglioramenti delle infrastrutture per consentire un facile accesso a pellegrini e turisti, una discesa sicura al fiume, spazi per l’organizzazione di riunioni e cerimonie.

 

A seguito del recente completamento di un progetto di bonifica dell’area delle miniere con l’aiuto della British HALO Trust al fine di consentire l’accesso ai numerosi monasteri e chiese della zona, l’IGTC ha completato la riqualificazione del sito. Gli aggiornamenti, da 1 milione di NIS, includono una maggiore capacità di accesso per gli autobus turistici con aree ombreggiate per i raduni e un accesso speciale per i disabili, incluso uno speciale bacino di immersione per coloro che non possono entrare nel fiume con anche un aumento di alcuni servizi fondamentali. Grazie a tutto questo, da ottobre del 2020, La Custodia di Terra Santa e le chiese cristiane hanno potuto rientrare in possesso di proprietà a loro appartenute in precedenza.

 

Padre Francesco Patton, Custode di Terra Santa, ha dichiarato durante la cerimonia: “In primo luogo, vorrei esprimere i miei ringraziamenti al Signor Presidente dello Stato di Israele Reuvent Rivlin. È lui la prima persona che è venuta qui e ha avuto l’idea di cedere questo posto alla Chiesa. Nei tanti incontri che insieme  abbiamo realizzato, il presidente Rivlin ha sognato che le due sponde si sarebbero incontrate e che questo luogo sarebbe stato un’oasi di pace tale da riunire Israele, Giordania e Palestina in modo che tutti potessero pregare in questa oasi.
Ringraziamo il Presidente Rivlin per tutti gli sforzi che ha compiuto, che hanno avuto come risultato la restituzione di questo luogo a noi. Questo luogo era una zona di guerra ed è diventato un luogo di preghiera per tutti, per pregare insieme in un luogo santo. Noi, in qualità di  Custodia di Terra Santa, siamo molto felici che il monastero sia ritornato a noi, poiché questo è il primo monastero tra le chiese qui, ed è un monastero francescano”.

 

Il progetto “Land of the Monasteries a Qasr el Yahud”, avviato dal presidente israeliano Reuven Rivlin “trasformerà – come dichiarato dal Presidente stesso -  questo luogo di preghiera e santità sul fiume Giordano in un luogo di pace, fede e cooperazione per tutti noi, per i nostri figli e per tutti i figli di Dio. Lo sviluppo di questo sito sarà un passo importante nella costruzione di ponti tra i popoli e le religioni e consentirà alla visione della convivenza di diventare una realtà “. Si spera che il progetto Terra dei Monasteri venga lanciato nel 2021.

 

Il Ministro del turismo Orit Farkash-Hacohen ha dichiarato: “I turisti cristiani rappresentano più della metà del turismo in arrivo in Israele. Sono certo che quando i cieli si apriranno vedremo ancora una volta gruppi di credenti e famiglie cristiane di tutto il mondo visitare i luoghi santi di Gerusalemme e Nazareth, battezzare nel fiume Giordano, navigare sul Mar di Galilea e visitare il deserto della Giudea. Megiddo e l’intero paese”.

 

Il numero di pellegrini in visita a Qasr el Yahud è cresciuto in modo significativo e costante negli anni dai miglioramenti all’accesso e alle infrastrutture, tredici volte dal 2010 al 2019. Nel 2019, quasi 875.000 pellegrini e turisti hanno visitato il sito.

Lascia un commento

Devi essere Autenticato per scrivere un commento